[[Slogan]]
Cooperativa Sociale POLITiS

Pubblicazioni Politis

Contributi allo sviluppo della democrazia

Collana POLITiS

Con "sviluppo della democrazia" intendiamo il miglioramento della qualità del nostro sistema politico per consentire ai cittadini più coinvolgimento diretto nelle questioni in interesse generale. Partecipazione è un concetto ampio che non riguarda soltanto la partecipazione a processi politici, ma a qualunque ambito della vita pubbblica. Partecipazione civica è, invece, legata al nostro ruolo di cittadini interessati alle decisioni politiche. In questo senso questa collana offre illustrazioni su nuovi approcci e strumenti di partecipazione civica e democrazia diretta.

in lingua italiana (vedi anche pubblicazioni in lingua tedesca)

Come democratizzare l’Unione europea?

POLITiS-Dossier 15/2018

Thomas Benedikter

Come democratizzare l’Unione europea?

Spesso si deplora e si critica il deficit di democrazia dell’Ue, il cui assetto istituzionale non risponde ad un sistema parlamentare a pieno titolo. Di quali riforme ha bisogno la Comunità per democratizzare si agli organi rappresentativi sia la partecipazione diretta dell’Ue? Su questo dossier l’autore Thomas Benedikter delinea alcune proposte concrete per colmare il deficit di democrazia all’interno dell’Ue.
Scarica qui il testo completo del Dossier POLITiS 15/2015

Più democrazia diretta nella Costituzione

Thomas Benedikter (a cura di)

Più democrazia diretta nella Costituzione

Una proposta di riforma di Costituzione italiana.

Questo dossier riprende e illustra la „Proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare per abolire il quorum e introdurre la democrazia diretta“, consegnata al Parlamento con più di 50.000 firme nell’agosto 2012. Con questa riforma della Costituzione verrebbe introdotto lo strumentario completo della democrazia diretta e stabilite alcune regole migliori per incoraggiare i cittadini alla partecipazione e all’impegno politico. Il nuovo Parlamento, eletto il 4 marzo 2018, sarà chiamato ad occuparsi di questa riforma.

Moneta intera

Thomas Benedikter

Moneta intera

La creazione del denaro in mano pubblica

Prefazione: Paul Köllensperger
ARCA edizioni, Lavis
ISBN: 978-88-88203-70-6
Euro 10,00, 128 pagine, 15 x 21 cm
In tutte le librerie da metà dicembre 2017

Nel 2018 la Svizzera con referendum nazionale voterà su un’iniziativa popolare che potrebbe rivoluzionare il suo sistema monetario: la “moneta intera” (Vollgeld). Questa riforma punta a togliere alle banche private il potere di creare moneta e di attribuire alla Banca nazionale (centrale) il monopolio di creare denaro, incluso quello scritturale-elettronico. Si passerebbe dalla moneta bancaria (creata dalle banche) alla moneta interamente pubblica, creata e messa in circolazione da un’autorità statale, cioè dalla Banca centrale. Questo concetto, nell’area germanofona battezzato “Vollgeld”, in italiano è stato denominato “moneta intera”, cioè denaro a corso legale esteso a tutte le forme di denaro in uso: monete, banconote e denaro elettronico-scritturale, cioè quella forma di denaro oggi di gran lunga più utilizzata nelle economie moderne.
La moneta, infatti, è un bene pubblico e la messa in circolazione del denaro è un servizio a favore di tutti cittadini. Il ricavato dalla creazione del denaro spetterebbe alla collettività, non a banche private. Le banche non sono tenute a perseguire interessi macroeconomici, tanto meno sociali. Demandare loro il compito, essenziale per la collettività, di creare moneta è inaccettabile. La moneta intera ristabilisce il carattere fondamentalmente pubblico del sistema monetario con enormi vantaggi in termini di stabilità, sicurezza ed equità.
Come funziona tale sistema? Quali benefici, quali effetti, quali perplessità? Potrebbe essere introdotto anche nell’Eurozona? Questo lo spiega l’economista Thomas Benedikter nel nuovo volume “Moneta intera – La creazione del denaro in mano pubblica”, il primo libro in lingua italiana su questo argomento, importante per la prossima grande riforma del sistema monetario.

I Sudtirolesi

Thomas Benedikter

I sudtirolesi

Introduzione poco riverente nel mondo dei sudtirolesi
Prefazione: Gianni Bodini

ARCA edizioni, 2017
ISBN: 978-88-88203-67-6
Euro 14,00, 152 pagine, 19 x 24 cm
Dalla fine di settembre 2017 in tutte le librerie.

Un volume che aiuta a capire i sudtirolesi
L'italiano medio sa molto poco dei sudtirolesi. Li vede come quelli che non vogliono definirsi "italiani", che scalano le montagne, che non conoscono a memoria l'inno di Mameli, che non sono mai soddisfatti dell'autonomia di cui godono. Un popolo di montanari testardi, restii a farsi civilizzare dai raffinati stili di vita mediterranei.
I frettolosi visitatori di questa terra possono ammirare paesaggi curati come parchi, masi di montagna che promettono una vita semplice e naturale, contadini in fila nelle processioni nei loro costumi tradizionali, e bellezze rustiche nel loro Dirndl. Ma in realtà, come tutti i popoli della terra, i sudtirolesi sfuggono ai cliché ideati dalla pubblicità turistica, e la loro piccola Heimat, chiamata anche Alto Adige loro malgrado, vista dall'interno si scosta dalle immagini pubblicitarie.
Il libro analizza caratteri e caratteristiche dei sudtirolesi e della loro terra, senza facili schedature, ma con uno sguardo poco riverente, non privo di simpatia. Un‘introduzione al mondo sudtirolese che tornerà molto utile ai visitatori più curiosi.

La nostra autonomia

Thomas Benedikter

La nostra autonomia oggi e domani

Proposte per il terzo Statuto del Trentino-Alto Adige/Sudtirolo,
Arca Edizioni 2017

In presenza dell’ex-senatore Oskar Peterlini è stata presentata la nuova pubblicazione di POLITiS sulla riforma dell’autonomia firmata da Thomas Benedikter. Si tratta del primo libro in italiano su questo argomento. Il libro è disponibile in tutte le librerie della provincia di Bolzano e Trento. Leggi qui una breve presentazione del volume.

Politis Dossier 5/2015

Paolo Michelotto/Thomas Benedikter

Diritti di partecipazione dei cittadini nei comuni

Partendo dalla guida “Più democrazia nella politica comunale” i due autori sviluppano uno “schema modello” di tuti gli articoli sugli strumenti di democrazia diretta e partecipazione deliberativa dei cittadini, da inserire negli statuti comunali. I consiglieri comunali, attivisti politici e cittadini interessati sono invitati a servirsene liberamente per proporre tali riforme dei rispettivi statuti comunali. Scaricabile qui.

Contributo allo sviluppo della democrazia 3/2014

Thomas Benedikter, Paolo Michelotti

Più democrazia nella politica comunale

.
Strumenti di partecipazione deliberativa e di democrazia diretta a livello comunale. Una guida.

Una nuova pubblicazione di POLITiS, curata da Paolo Michelotto e Thomas Benedikter, offre una panoramica sui metodi di democrazia partecipativa, già presenti in alcuni comuni d’Italia oppure degni di essere inseriti negli statuti comunali Si tratta di una guida che non solo illustra i vari metodi, ma spesso presenta anche la relativa norma già esistente o una proposta di norma pronta per essere inserita nel rispettivo statuto comunale. Tutto quanto è integrato da interviste con sindaci, consiglieri comunali, esperti e attivisti che raccontano le loro esperienze con tali metodi.
Il volume è liberamente scaricabile qui

Politis Dossier 3/2014

Thomas Benedikter

La democrazia diretta nelle Regioni

L’applicazione dei diritti referendari a livello regionale.

Oltre il proprio comune di residenza, la Regione in Italia è lo spazio politico più vicino alla vita e ai problemi quotidiani dei cittadini. Istituiti solo nel 1970/71, le Regioni stentano a trasformarsi in un'istituzioni dotati di tutti i diritti democratici. Ma quanto più aumenta il loro ruolo legislativo, tanto più cresce la necessità di coinvolgere più attivamente i cittadini, non solo in virtù dei diritti referendari previsti dalla Costituzione e dalla legislazione nazionale, ma anche per rafforzare la funzione di controllo della comunità regionale nei confronti dei loro rappresentanti, e per aumentare l'identificazione dei cittadini con la propria Regione.
Il volume è liberamente scaricabile qui

Più democrazia per l'europa

Thomas Benedikter

Più democrazia per l'Europa

La seconda pubblicazione si occupa della democrazia nell'Unione europea. Partendo dall'iniziativa dei cittadini europei", introdotta nel 2012,degli strumenti di partecipazione diretta a livello europeo esistenti, possibili e necessari. Si tracciano anche le riforme dell'architettura istituzionale della UE per consentire un sistema parlamentare più completo e più diritti di partecipazione.
Il volume è liberamente scaricabile qui

Contributi allo sviluppo della democrazia 1/2013

Thomas Benedikter

Il bilancio partecipativo

Un'introduzione

Il n.1.2013 della collana illustra come i cittadini possono partecipare alla definizione del bilancio di previsione del proprio Comune. Si presentano concisamente ragioni, obiettivi, metodi e procedure delle varie tipologie di bilanci partecipativi attualmente in uso in centinaia di Comuni di vari paesi. Si propone anche un modello adatto alle esigenze dei Comuni medio-piccole, tipiche per la Provincia di Bolzano. Scarica tutto l'opuscolo.

Contributi allo sviluppo della democrazia 2/2014

Thomas Benedikter (a cura di)

Con più democrazia verso più autonomia

Raccoglie interventi e saggi di 25 esperti di un ciclo di conferenze del 2013/14 sull’imminente riforma dell’autonomia della provincia di Bolzano e della Regione. Politici di vari partiti, scienziati, attivisti di organizzazioni civiche si alternano. Da un sondaggio online sull’argomento sono emersi risultati interessanti sulle preferenze dei cittadini relative alla riforma dell’autonomia. Il volume chiude con una serie di proposte per più partecipazione dei cittadini nel processo di riforma.
La pubblicazione è disponibile nelle librerie o può essere ordinato quì.
Thomas Benedikter (a cura di, 2014), Con più democrazia verso più autonomia – Cittadini e cittadine partecipano – I risultati di un progetto di formazione (POLITiS-SBZ), ed. ARCA, 160 pp., ISBN 978-88-88203-50-8, 10.-

Più potere ai cittadini

Thomas Benedikter

Più potere ai cittadini

Introduzione alla Democrazia diretta e agli strumenti referendari

Il volume nella sua seconda edizione offre un’ottica ampia sulla gamma completa della democrazia diretta, partendo dagli intenti di fondo dei diritti referendari e dall’esperienza raccolta in Svizzera ed in Ticino in particolare. Si sofferma sulle innovazioni adottate dalle Regioni a statuto speciale d’Italia e, traendo lezioni dalle esperienze italiane di 40 anni di referendum abrogativo, presenta le linee guida di una possibile riforma dei diritti referendari partendo dalla proposta di legge costituzionale popolare Quorumzero.
Thomas Benedikter (2014), Più potere ai cittadini – Introduzione alla democrazia diretta e ai diritti referendari, Ed. POLITiS, Bolzano, 231 pagine.

Expertisen zu Demokratie und Autonomie 1/2014

Thomas Benedikter

Direkte Demokratie und mehrsprachige Gebiete

Ein Vergleich Südtirol-Schweiz
Un confronto fra la Svizzera e il Sudtirolo (in lingua tedesca)

Können sich Volksbastimmungen zum Nachteil von sozialen, sprachlichen und religiösen Minderheiten auswirken? Gibt es einen Konflikt zwischen dem Mehrheitsprinzip bei Abstimmungen und dem Minderheitenschutz speziell in pluriethnischen und mehrsprachigen Gebieten? Die Expertise geht auf mögliche Widersprüche zwischen direkter Demokratie und Minderheitenrechten ein und reflektiert Lösungen anhand des Vergleichs zwischen Südtirol und den zweisprachigen Kantonen der Schweiz.
Thomas Benedikter, Direkte Demokratie und mehrsprachige Gebiete – Ein Vergleich Südtirol-Schweiz, POLITiS-Expertise zu Demokratie und Autonomie 1.2014.
Scaricabile qui.

Expertisen zu Demokratie und Autonomie

Thomas Benedikter

Mehr Demokratie in der EU

Suggerimenti per una riforma della partecipazione diretta die cittadini nell’Unione europea (in lingua tedesca)

Der Integrationsprozess Europas verläuft ohne konsequente demokratische Gewaltenteilung, ohne echtes Mitwirkungsrecht der Regionen, ohne Entscheidungsrechte der EU-BürgerInnen. Auch nach Lissabon ist das politische System der EU noch weit entfernt von den Standards für eine moderne Demokratie. Worin besteht das Defizit an Demokratie der EU? Ist Europa zu groß und vielgestaltig für ein durchgängig parlamentarisches System nach dem Muster nationalstaatlicher Demokratien? Warum reicht die EBI als direktdemokratisches Korrektiv nicht aus und was benötigen die EU-BürgerInnen an direktdemokratischen Rechten wirklich, um in europapolitischen Fragen wirklich mitzubestimmen?
Thomas Benedikter, Mehr Demokratie in der EU – Empfehlungen für die Reform der Mitbestimmungsrechte der Bürger und des politischen Systems der EU, POLITiS-Expertise zur Demokratieentwicklung 2.2014
Scaricabile qui